giovedì 17 dicembre 2009

15/12

Il 15/12 alle 15:12 è nato Francesco! La mamma sta bene, benissimo
direi... mai vista così felice. Il papà? Impazzito!

lunedì 14 dicembre 2009

Buoni propositi.



Ogni giugno, quando finiva la scuola, partiva il rito del buon proposito per l'anno successivo.

L'anno prossimo mi impegnerò di più. Sicuro. Vedrai, partirò subito con il piede giusto. Sarò determinata. Farò, vedrò, studierò... eccetera eccetera.

A giugno i buoni propositi venivano facili... mancavano tre mesi alla messa in pratica. Tre mesi di mare, piscina, gite, vacanze, motorino, uscite con gli amici. Tra tre mesi studierò di più, farò sport, ricomincerò le lezioni di pianoforte, imparerò un'altra lingua, farò volontariato nel sociale, combatterò la fame nel mondo ecc ecc ecc. Un po' come la dieta che comincia sempre lunedì prossimo.

Finché non arriva lunedì... o nel mio caso, finché non arrivava settembre.

A settembre tutto diventava dannatamente più complicato. Con i buoni propositi di settembre non si scherzava: ci sei, è il tuo turno, adesso lo devi mettere in pratica, ragazza mia! Ti impegnerai? Lascia perdere il futuro: ti impegni di più adesso. Hic et nunc. E non dirmi che dopo tre mesi di gozzoviglie non ti ricordi cosa vuol dire...

Di nuovo, a tanti anni dalla fine della scuola siamo allo stesso punto.
Dopo mesi di buoni propositi su come crescere ed educare al meglio il piccolo Francesco, è arrivato settembre.
Adesso non posso più nascondermi dietro un dito.
-> Il bambino non dormirà mai nel lettone. Però, tenerlo in mezzo a noi, per giocare ogni tanto la sera...
-> Se il bambino fa i capricci, bisogna ignorarlo e lasciarlo nel lettino o sulla seggetta. Si, ma magari, i primi mesi, non sono proprio capricci, no?

Ecco, non so se si afferra il concetto, forse non mi sono capita tanto bene nemmeno io. Comunque vada, adesso si balla...

sabato 12 dicembre 2009

Ultima settimana. Pant pant...

Comincia oggi la quarantesima ed ultima settimana. Ragazzi, se è stata lunga!
Cmq, siamo quasi alla fine. Anche se dopo sarà più impegnativo, sono contenta che questa avventura stia per finire.

Stralci di conversazione.
Jenny: "Preferiresti che si girasse, per fare il parto naturale?"
MammaGioia: "Guarda, non ne posso più, va bene anche dal naso, basta che lo facciano uscire!"

Ultimo (spero!) aggiornamento settimanale:

PESO: 72,3 kg (+12,3)
CIRCONFERENZA: stabile 112cm
ALIMENTAZIONE: finita la pacchia, sta tornando a farsi sentire di brutto la gastrite. Addio mio buon latte, addio amate tempeste di formaggi, addio dolcissimo cioccolato, addio. Mi consolerò tra poco con qualche metro di salame e un paio di prosciutti interi.
PANCIA: un po' dura, ma con pochi movimenti ormai. È proprio il caso di dirlo: non ci sta più dentro :-)

Per oggi è tutto, appuntamento alla nascita :-D

mercoledì 9 dicembre 2009

mattinata intensa...


Stamattina io e papà Angelo siamo andati in Mangiagalli al pre-ricovero ostetrico, come d'accordo con il dutùr. O meglio, con la dutùra che ci ha indicato il dutùr.
C'era un saaaaaaacco di gente, perché è il pre-ricovero chirurgico per tutti quelli che devono farsi operare in Mangiagalli.

In teoria, dovevamo smarcare una cosa soltanto: quando si può fare il cesareo se Francesco non ri-mette la testa a posto?
Premessa doverosa: fosse dipeso dalla mamma, anche oggi stesso! Fosse dipeso dal papà.... anche pure :) Tant'è che ci siamo mossi con tutto il necessario: valigia per mamma-papà-Francesco, kit raccolta staminali, cartelletta documenti.

Dutùra: "Io non capisco: ci sono ospedali che fanno 3 cesarei alla settimana, mentre noi ne pianifichiamo 10 al giorno, più le urgenze, eppure tutte vogliono venire a partorire da noi che siam già pieni!"
MMG: "Eh, proprio perché ne fate 10 al giorno. Più le urgenze."

Cmq, nonostante l'affollamento dell'agenda dei cesarei programmati, hanno trovato il posto giusto anche per noi: per scaramanzia non dico che giorno sarà, ma è effettivamente il primo utile, considerando i vincoli legali (non si può fare prima dell'ultima settimana) e quelli di buon senso (non ha senso programmarlo troppo in là, se no parte il travaglio).
E così stamattina ci siamo fermati per 4 ore, per fare i prelievi, l'ecg, il consenso con l'anestesista ecc ecc.

E va beh, siamo quasi pronti, dài che manca pochissimo :)

lunedì 7 dicembre 2009

aggiornamento randomico

tanto per dare un bollettino, che sabato non l'ho fatto:

PESO: 71.9 kg (in leggera flessione rispetto all'ultima pesata)
CIRCONFERENZA: 110 cm, ma è talmente bozzata la panza che sarebbe più correto parlare di "perimetro"
ALIMENTAZIONE: cominciano a darmi fastidio i latticini freschi... mi sa che è finita la pacchia senza gastrite. e va beh...
MOVIMENTI: Francesco è scatenato. Nell'ultima settimana, senza avvisare, ha deciso di capovolgersi e si è messo seduto. Si rimetterà in posizione di sparo? Mah...

Per oggi è tutto, torno a letargare sul divano.

domenica 6 dicembre 2009

Gioia Pre-Natale


Gioia Pre-Natale
Inserito originariamente da dottorgioia
Chi è più grosso? Io o l'albero? :)

giovedì 3 dicembre 2009

Conversazioni surreali... ma non troppo. 2.0

MammaGioia: "Francesco?"
Francesco: "..."
MG: "Ehi, Francesco dico a te. Mi senti?"
F: "..."
MG: "Avanti, lo so che mi senti, non far finta di niente..."
F: "...oh, mamma, ciao, sei tu. Scusa credevo che parlavi con qualcun altro..."
MG: "Perché, scusa, in quanti siete lì dentro?"
F: "Beh, non so... non è che si veda tanto bene, qui in penombra..."
MG: "Francesco... è quasi arrivato il momento, ti devi preparare."
F: "Per cosa?"
MG: "Per nascere, cucciolino. E' il momento. Devi incastrare la testina lì sotto e prepararti."
F: " Senti, mamma, senza offesa... ma io sta cosa del nascere non è che l'ho capita molto bene."
MG: "Cos'è che non ti è chiaro tesoro? Vieni qui fuori ad abbracciare me e papà. Ne avevamo già parlato, non ricordi?"
F: "Si, però... mamma, lì sotto è buio. Ancora più buio. E la testa ci sta stretta. E se poi mi schiacci?"
MG: "Ma no, piccolino mio, non ti schiaccio, stai tranquillo. E' quella l'uscita, devi per forza imboccarla. Prima lo fai e prima potrai uscire fuori e stare bello largo e comodo."
F: "..."
MG: "E poi, scusa, non vuoi venire a conoscere anche papà?"
F: "Si, vorrei tanto ma... senti, non possiamo fare che viene qui dentro papà, per questa volta? Poi, la prossima, vengo io."
MG: "Ah ah ah, cucciolo mio, non credo proprio che ci stia papà lì dentro. Già tu sei pigiato come una sardina, non ti pare?"
F: "Beh, ma se spinge un po', lo spazio si trova, guarda..."
MG: "Ouch... Francesco, per piacere, piano con i piedini nei polmoni, che mi manca il fiato. Papà non ci sta, credimi, e anche se volesse non può venire lì dentro. Devi uscire tu, è il momento. Coraggio!"
F: "Si, però... metti che poi non mi piace, posso tornare qui dentro?"
MG: "Cucciolo mio, ormai non ci stai più, stai crescendo e crescerai ancora più velocemente. Fuori hai molto più spazio."
F: "Si, ma metti che non mi piace lo stesso, posso tornare?"
MG: "No, tesoro mio, non si può. Quella è una via a senso unico. Ma io sono arci-sicura che ti piacerà un sacco nascere."
F: "Si, ma qui ho già la mia routine... calcetto, gomito, pedalata, stretching... ogni tanto mi ciuccio la manina... e se fuori non posso farlo?"
MG: "Certo che puoi farlo! E farai un sacco di altre cose, prenderai il latte, giocherai con i giocattoli, farai il bagnetto con papà!"
F: "Bagnetto? Cos'è?"
MG: "Oh, è una cosa bellissima... papà ti prenderà nelle sue mani grandi grandi e ti farà galleggiare nell'acqua calda, un po' avanti e un po' indietro. Vedrai com'è rilassante!"
F: "Acqua calda come questa dove sono adesso?"
MG: "Si, tesoro, solo un po' più pulita."
F: "Beh, allora tanto vale che io stia qui, no?"
MG: "Ok, ci hai provato... no, piccolo mio, devi uscire, vedrai che fare il bagnetto con papà è molto meglio che stare rannicchiato lì dentro al buio."
F: "Penombra, prego."
MG: "Ops, scusa, penombra..."
F: "..."
MG: "Allora, siamo d'accordo? Ti prepari come si deve?"
F: "Va bene. Ma ci sono delle cose che ancora non ho molto chiare... e se poi non so fare a stare lì fuori?"
MG: "Non preoccuparti, cucciolo, anche per me e papà è la prima volta. Vedrai che insieme noi tre diventeremo bravissimi e ci divertiremo un sacco."
F: "Mamma... io vi voglio tanto bene..."
MG: "Anche noi te ne vogliamo tantissimo, cucciolo."

mercoledì 2 dicembre 2009

Perchè?


Francesco, figlio mio. Piccolo pesciolino che sei cresciuto nella pancia della tua derelitta madre. Angioletto del cuore di mamma e papà.

Tu che fino a poche settimane fa non hai mai dato problemi.
Tu che hai affrontato con coraggio il primo vero impegno della tua vita: crescere.
Tu che anche quando mi pigliavi a calci e pugni, a pizzichi e solletichi, a morsi e gomitate... lo facevi con una devozione e un amore incondizionato.

Tu... spiegami perché, dopo tante capriole e tanti assestamenti, dopo tanta fatica per metterti in perfetta posizione cefalica con dorso a sinistra già dal quinto mese, hai deciso a due settimane dalla fine di scivolare in trasverso.

E' colpa mia? Non ho fatto abbastanza piegamenti sulle ginocchia? Pochi massaggi perineali? Sono stata troppo seduta? Troppo in piedi? Troppo supina? Troppo sul fianco?

Dimmi, mio piccolo pulcino di uomo: dove ho sbagliato nel covarti?

martedì 1 dicembre 2009

Dal dutùr: ultimo controllo

Stasera siamo andati dal dottore, per l'ultimo controllo pre-nascita.

Prima impressione: però, bel dirigibile.... direi che è ora di farlo nascere.
Eh, a me lo dice?

Esami: tutto ok, tutto fatto, tutto pronto. Il prurito? no, guardi, è del tutto anomalo, non è nulla di collegato alla gravidanza. Le stamine del vaccino antipolline? Probabile, interrompa per qualche giorno e vediamo se passa.

Bambino: siamo nella stratosfera... è altissimo, non s'è incastrato con la testa, non capisco come sia girato, il cuore dovrebbe essere di là, scalcia un sacco, sta prendendo a pugni la sonda... facciamo una bella ecografia, capiamo come sta girato e se è recuperabile. Se ci va male... è in traverso e deve fare il cesareo.
Senta dottore, va bene tutto, basta che esca, anche a gomitate...
Ah, a proposito, visto che non si è incastrato, se dovessero rompersi le acque, e potrebbero farlo da un momento all'altro, non aspetti: voli in ospedale. Appena vede acqua, di corsa in ospedale, chiaro?
Cristallino...

Ah, dottore, guardi, le abbiamo preso un presente, per ringraziarla di tutto, anche in vista delle prossime feste... lei non è astemio, vero?
No no, signora, decisamente no!

Beh, che dire, tutto ok alla fine. Facciamo sta ecografia e capiamo il da farsi.

lunedì 30 novembre 2009

ultimi acquisti


Cosa manca ancora? Oggi ho fatto una lista e ho cominciato la spunta...

Olio di mandorle-> comprato da Gioia in erboristeria
Termometro per il bagnetto-> comprato da Angelo in prénatal
dischetti cotone-> comprati da Gioia alla coop
bialcool-> comprato da Gioia alla coop

mancano ancora:

Amido di riso-> non si trova in erboristeria, provare domani in farmacia
vaschetta bagno-> comprare all'ikea
portaoggetti fasciatoio-> comprare all'ikea

e cmq, siamo pronti a tutto... :-)

sabato 28 novembre 2009

sabato in famiglia

38 Weeks Pregnant

E' sabato, comincia oggi ufficialmente la 38ma settimana. Da oggi, ogni giorno è buono per la delivery... In ogni caso, lunedì chiamo l'ambulatorio gravidanza a termine per pre-allertare. Non so a cosa serva, ma mi han detto di farlo e io pre-allerto.

In Mangiagalli consigliano vivamente di fare il possibile per farlo nascere la 38 o la 39, senza arrivare a fine gravidanza, dicono sia meglio sia per la mamma che per il bambino.

Definizione di "fare il possibile": lasciar perdere scale, bicicletta e aspirapolvere, ci si stanca soltanto e non servono a niente. Vivamente consigliati i massaggi perineali, gli esercizi ginnici che ci hanno fatto provare al corso, bagni caldi ed essenze rilassanti, danze che facciano muovere i fianchi (salsa o danza del ventre), rapporti intimi. Non c'è una frequenza consigliata: per i massaggi meglio 2/3 volte al giorno, per il resto quando ci se la sente.

Per quanto mi riguarda, sono abbastanza impegnata con la gestione del prurito... al momento sono molto concentrata sui massaggi e i bagni caldi, che tra l'altro lo alleviano molto.

In quanto al bollettino settimanale, pochi aggiornamenti rispetto a settimana scorsa:

PESO: 71,5 kg
CIRCONFERENZA: 111 cm
ALIMENTAZIONE: come la Rai, di tutto di più. Frutta, pane, dolci, marmellate, verdure, pasta, latticini. Non sono ghiottissima di carne, in questo periodo, ma una volta ogni due giorni ce la faccio rientrare lo stesso.
MOVIMENTI: Francesco non sta mai fermo, il poco spazio rimasto non permette più di tirare sonori calcioni, quindi si accontenta di una bella serie di pedalate ogni 3/4 ore. Speriamo che non si annodi...

Anche per oggi è tutto, speriamo che esca presto :)

giovedì 26 novembre 2009

Corso pre-parto: 8 di 8 - la cura del bambino

Oh, siamo arrivati alla fine del corso.
Oggi abbiamo parlato di cura del bambino ed erano invitati anche i papà!

Beh, quello che ci ha detto l'ostetrica, sostanzialmente, è come fare a prenderci cura del fanciullino nelle prime settimane, invitandoci comunque a chiedere per qualunque dubbio o perplessità alle ostetriche in ospedale o ai consultori, anche nei prossimi mesi se serve.

Abbiamo parlato del bagnetto (che è più bello se lo fa il papà), dei pannolini (cambio e pulizia di culetto e tutto il circondario), delle creme/olii/saponi (che alla fine, come l'acqua non c'è niente), medicazione del cordone ombelicale, taglio delle unghie, pulizia di naso e orecchie, asciugatura, ecc ecc ecc.

Insomma, tutte cose molto pratiche :) per un incontro decisamente operativo!

mercoledì 25 novembre 2009

Corso pre-parto: 7 di 8 - il neonatologo

O meglio, LA neonatologa, visto che abbiamo incontrato la dott.ssa Moioli, responsabile dei nidi della Mangiagalli.

Cosa ci ha raccontato? Beh, in breve, quello che succederà ai nostri bimbi, appena escono dalla loro Jacuzzi personale.

Il bambino subito dopo la nascita viene appoggiato sulla pancia della mamma, così com'è, bello imbrattato, per almeno un'ora. In quest'ora il bimbo rimane di fatto alla stessa temperatura della mamma, può dormire, vermicolare, allattare... non importa, basta che stia pelle contro pelle con la mamma.

Al temine dell'ora, al marmocchietto vengono prestate le prime cure: iniezione di vitamina K, lavaggio degli occhietti, primo veloce bagnetto (in realtà un risciacquo per eliminare tracce di muco, cercando di non levare la vernice caseosa), esame dell'ostetrica o della neonatologa per la reattività all'ambiente esterno.
Quest'ultimo, è un "voto" che viene assegnato sulla base di come il bimbo si è adattato e/o reagisce agli stimoli. Se la valutazione è buona, si prosegue, se no viene lasciato per un po' in culla termica.

Poi il pargolo viene ridato alla mamma, che lo tiene in braccio, lo allatta, ecc ecc per minimo due ore in acquario, una stanza nell'area del parto in cui le madri devono stazionare, per essere sicuri che sia andato tutto bene.

Dopo l'allegra famigliola viene trasferita nella zona puerperio, dove di fatto ci sono le camere di degenza e il nido.
In Mangiagalli consigliano vivamente di tenere il bambino in camera: è importante per creare il primo legame con mamma e papà, per imparare a conoscere il bambino, per coccolarlo e rassicurarlo. Il nido è chiaramente a disposizione per i cambi, i bagnetti, ecc... ma non deve essere un parcheggio.

Altra cosa importante: niente ciuccio. In Mangiagalli non vogliono proprio (ma anche l'OMS e l'Unicef dicono la stessa identica cosa), il ciuccio interferisce con l'allattamento perché modifica la suzione del bambino, rendendo di fatto impossibile l'attaccamento al seno.
Se il bimbo piange, non ha bisogno di masticare silicone, ha bisogno piuttosto di essere coccolato dalla mamma o dal papà :-)

Dopo un minimo di 49 ore, o più se necessario, la mamma e il bimbo vengono dimessi, con una valigetta di documenti, libretti, istruzioni, cartella clinica e un bell'appuntamento per un controllino per due giorni dopo.

Consiglio di chiusura: informarsi bene su dove si trovano il consultorio e il pronto soccorso pediatrico più vicini a casa, perché è meglio saperlo senza averne mai bisogno, che averne bisogno e doversi mettere a cercare in giro....

E anche per questa volta, è tutto :-)
Domani l'ultimo incontro.

martedì 24 novembre 2009

Colori


Ovvero: dialoghi effimeri fra sorelle.

Goghi: "Ho visto il tuo blog."
Gioia: "Ti piace?"
Goghi: "E' rosa."
Gioia: "E' vero."
Goghi: "Francesco è un maschio."
Gioia: "E' vero."
Goghi: "Perché il blog è rosa se Francesco è un maschio?"
Gioia: "E' il mio blog e io sono una mamma femmina."
Goghi: "Ma lui è un figlio maschio."
Gioia: "Quando esce si farà il suo blog da figlio maschio."

Tutto questo circa 3 mesi fa.

Oggi, mentre leggo il tumblr di Beppe Mazza, decido senza alcuna ragione apparente: cambio i colori del blog, il rosa mi ha stancato.

Colpi di coda degli ormoni?

Si comincia a ballare...

Sono un paio di giorni che comincio a sentire le prime contrazioni, quelle preparatorie.

Sono un mix di fitte pungenti nella zona inguinale e irrigidimento generalizzato dei tessuti nella parte bassa della pancia (per intenderci, quel mezzo tendone da circo a sud dell'ombelico).

Le chiamano.... no, mi viene Bretton Woods, ma quella è un'altra cosa :) Il nome è simile, comunque. E non fanno male, solo un po' di fastidio.

Alla domanda "come distinguo invece quelle di inizio travaglio?", tutti (ostetriche, amiche mamme, ecc...) mi rispondono con la stessa identica frase: "QUELLE fanno male, le riconosci subito...".

Beh, che dire, godiamoci per ora la versione indolore... :)

domenica 22 novembre 2009

e siamo a 37!

37 Weeks Pregnant

Con *ben* 1 gg di ritardo, pubblico il bollettino aggiornato.

PESO: 71.7 kg (+11.7 dall'inizio)
CIRCONFERENZA: 111 cm
ALIMENTAZIONE: continuo a mangiare di tutto, la voglia di dolci è rallentata, ma non scomparsa, probabilmente era un bisogno di zuccheri che adesso si è assestato (aiutato da 3 vasetti di marmellata e 3/4 kili di frutta matura a settimana...)
IDRATAZIONE: ho sempre sete, sempre più sete, continuamente sete. Volete farmi un regalo? Una confezione di acqua naturale! Non riesco a smettere di bere e, di conseguenza, son sempre in bagno. Il medico dice che è normale, sto producendo altro liquido amniotico. Ma non è che se continua così lo affogo, sto povero bambino? :-)
SENO: non cresce in volume (troppa grazia...), ma si sta preparando e sono già cominciate le prime perdite di colostro. Non immaginatevi una venere in marmo di Carrara che zampilla al centro di una fontana del Bernini... parliamo di micro goccioline che appena si vedono :-) Ma è un buon segnale, vuol dire che almeno le ghiandole e i canali sono pronti per il prossimo allattamento.

Per questa settimana è tutto, al prossimo aggiornamento!

venerdì 20 novembre 2009

vietato accavallare le gambe!


eh è una parola... anzi, sono quattro! :)

perchè è vietato? Perchè il bambino deve scendere e incanalarsi e le gambe accavallate non favoriscono la discesa, al contrario questa posizione tende a chiudere le anche.

Da qui l'imperativo dell'ostetrica: donne in cinta non accavallate le gambe, state belle sedute sbragate, con le gambe aperte e possibilmente i pantaloni (aggiungo io).

Più facile a dirsi che a farsi, soprattutto per chi, come me, è abituata ad accavallarle sempre... ma sono sicura che con un po' di impegno

SI PUO' FARE!

Il vaccino pandemico



Il nome sembra altisonante, in realtà è il normalissimo vaccino contro l'influenza A (H1N1) che è in giro adesso.

Dopo qualche indagine e consigli/opinioni di medici vari, abbiamo deciso che per il bene di Francesco era meglio farlo.
Per la mamma chissenefrega :D

Scherzi a parte, le possibili complicazioni dell'influenza per me sono assolutamente trascurabili, nel peggiore dei casi c'era il rischio di un parto pretermine, ma nel mio caso non è più un gran rischio.
Le complicazioni sono invece molto serie per Francesco, se appena nato becca il virus. Quindi l'unica soluzione è che sia io a fare gli anticorpi e passarglieli prima della nascita.

Da qui l'aut aut: o becco l'influenza o faccio il vaccino. Non essendoci garanzie sul fatto che io prenda l'influenza prima del parto, la scelta era obbligata. Così, stamattina sono andata a fare i prelievi per le analisi dell'ultimo mese e poi dritta in consultorio, in Via Fantoli, per farmi bucare la spallina.

giovedì 19 novembre 2009

Marmellata d'arance




Questo week end c'era la nonna in cascina. E così, siccome i 24 vasetti di marmellate fatte in casa che ha portato potrebbero non bastare... abbiamo fatto anche la marmellata di arancia.

Ingredienti:
3 kg di arance gialle, possibilmente non trattate, scegliete voi la razza, basta che la buccia sia ruvida e un po' spessa.
1,5 kg di zucchero
2 bustine di pectina 2:1

Lasciare le arance intere in ammollo in acqua e bicarbonato per un'oretta, così si disinfettano e le bucce si ammorbidiscono.
Tagliare le estremità (che butterete), poi tagliare in quarti e affettarle molto sottili (1/2 mm al massimo) senza togliere la buccia.
Versare 1 kg di zucchero in una pentola abbondante, mettere le arance affettate e poi coprire con l'altro mezzo kilo di zucchero.
Portare a ebollizione, senza mai mescolare! se no si attacca tutta sul fondo
Poi lasciare senza coperchio, abbassando il fuoco in modo che tenga un bollore delicato senza gonfiarsi per 3/3,5 ore (quando la buccia si scioglie in bocca, è sufficiente).
Togliere la marmellata dal fuoco e lasciarla raffreddare leggermente, mescolandola.
Unire la pectina con un paio di cucchiai di zucchero e versare mescolando bene nella pentola con la marmellata, rimettere sul fuoco, riportare a ebollizione e lasciare sobbollire per non più di tre minuti.
Versare la marmellata ancora calda nei vasetti, lasciando almeno un dito di spazio dal bordo del vetro, chiudere bene con il coperchio e riporre capovolti su un piano di lavoro, fino al completo raffreddamento (almeno una giornata), senza spostarli.
I vasetti, in questo modo, sono chiusi ermeticamente. Se per qualche motivo non si fossero chiusi ermeticamente, potete congelarli.

Buona marmellata :)

La visita anestesiologica



Stamattina sveglia all'alba: alle 8 c'era la visita anestesiologica (prima del corso pre-parto). Onestamente, è stato molto più istruttivo l'incontro informativo con l'anestesista... però il video non era male :)

Insomma, sono abile e arruolata per l'epidurale (e meno male!!!). Devo solo fare gli esami da allegare alla cartelletta azzurra che mi hanno lasciato e posso andare direttamente in sala travaglio.

Dài Francesco, anche questa è fatta, fra poco puoi uscire!!!

Corso pre-parto: 6 di 8 - il perineo

Oh, l'incontro di stamattina è stato davvero interessante! E poi c'era di nuovo l'ostetrica Francesca, che ci piace tanto tanto!

Cos'è il perineo? In pratica è il fascio di muscoli posti tra l'apparato genitale e il buchino del sedere (vale sia per uomini che per donne). Per una definizione più precisa, potete andare su wikipedia.

Questi muscoli sorreggono tutto l'apparato uro-genitale e la parte finale dell'intestino. Normalmente, è un muscolo che si usa molto poco, o meglio lo usiamo ma in maniera quasi automatica, mentre sarebbe bene tenerlo in allenamento (è un muscolo volontario, quindi si attiva con esercizi mirati) sia per mantenere un buon controllo sull'apparato urinario e intestinale (soprattutto in età avanzata), sia per.... beh, se vi dico che sostiene tutto l'apparato genitale, ci potete arrivare da soli :)

Orbene, questo fascio di muscoli, nelle donne gravide, subisce uno scossone: un po' gli ormoni lo fanno rilasciare, un po' l'utero che pesa moltissimo lo distende, un po' al momento del parto viene allargato oltre la massima dimensione mai raggiunta prima... insomma, questo povero perineo ne passa di tutti i colori!

Per questo, un piccolo prolasso nelle ultime settimane della gravidanza e subito dopo il parto può essere normale, ma oltre non va bene. Quindi è meglio fare gli esercizi che ci hanno illustrato oggi per allenarlo e tonificarlo, in modo che dopo il parto la ripresa sia più veloce. E magari da vecchie non dovremo portare i Tena Lady :)

martedì 17 novembre 2009

Dal dutùr: manca un mese

Stasera siamo andati dal dottore. In poche parole:

- Francesco sta benissimo, è forte e sano come un pesce, fra due giorni è pronto per uscire (nel senso che i polmoni sono completi e non avrebbe nemmeno bisogno di incubatrice), quindi tecnicamente il travaglio potrebbe partire da un momento all'altro. Teniamoci pronti...

- però Francesco non si è ancora incastrato... il che vuol dire che è ancora alto e la testa non ha cominciato ad incanalarsi, quindi anche se è già in posizione ottimale per la delivery, potrebbe scivolare all'ultimo momento con la testa di lato e mettersi traverso. E in quel caso, se partono le contrazioni, cesareo.

- Le contrazioni... a sapere come son fatte! Apparentemente non sono ancora cominciate, nemmeno quelle preparatorie, quindi c'è ancora tempo.

- L'influenza: prendere l'influenza adesso non sarebbe problematico, il rischio di complicazioni potrebbe essere un parto pre-termine, ma il bambino è già pronto. L'unico problema serio è se Francesco la prende appena nato: in quel caso ci possono essere problemi seri, quindi l'unica soluzione è che mi prenda l'influenza prima della nascita (o faccia il vaccino subito) in modo da passare al piccolo gli anticorpi prima che nasca (o subito dopo, con l'allattamento). Di conseguenza, dopo molte riflessioni assieme al papà, ho deciso di fare il vaccino, perché non avendo certezza matematica di prendere l'influenza nelle prossime settimane, è la scelta più sicura per il piccolo.

- i gonfiori a mani e piedi che mi fanno male da qualche giorno... me li devo tenere. Non sono problematici ed è escluso il rischio di gestosi. Se sto meglio a mettere le mani in acqua fresca ok, tanto non ci sono altre soluzioni. Pare che io continui ad accumulare molto liquido in placenta e questo influisca su tutta la circolazione. Appena partorisco, passa.

Mi pare tutto. Controllo fra 15 gg, salvo che partorisca prima (magari!!!!).

Ehi, tu, esci da questo corpo!!!

Non ce la si fa più... ormai manca un mese, l'ultimo, lunghissimo, interminabile mese...

Cominciano i fastidi circolatori. "Fastidi" è decisamente un termine improprio... ho le dita delle mani che sembrano salsicciotti e i piedi che paiono due zucchini maturi. Per fortuna, ho tolto l'anello al piede appena in tempo, se no a quest'ora avrei dovuto tagliarlo. L'anello o il dito del piede, a seconda dell'umore del momento.
Al mattino mi sveglio con dolori a mani e piedi e ci vogliono un bel 5 minuti di acqua fredda perché riprendano apparenza di appendici umane.

In compenso, il fanciullo è sempre più scomodo. Fosse per me, applicherei volentieri una cerniera alla pancia, tipo gli zaini di scuola che si allargano, oppure farei fare degli inserti di pelle, per farlo stare più comodo (tanto io paio una mongolfiera lo stesso, 10 cm di diametro in più o in meno non mi cambiano niente). Ma non posso, figlio mio, con tutto il cuore, più di così non posso allargarmi. Porta pazienza, anche se infierisci con calci e pugni su stomaco, fegato, polmoni e costole, non cambia nulla. Fattene una ragione.

Oppure esci. Semplicemente, esci. Ormai sei fatto e finito, avrai già passato i 2 kg e mezzo, i polmoni sono a posto, lo stomaco pure, reni ok... esci. Che vuoi che sia, papà e mamma sono pronti, ho comprato tutto, anche la crema per il culetto arrossato. La valigia dell'ospedale è pronta. I documenti sono praticamente pronti. Non siamo ancora pronti con i documenti per le staminali, mi ci vuole ancora almeno una settimana, ma se proprio non ce la fai più esci e buona notte!!!


giovedì 12 novembre 2009

Corso pre-parto, 5 di 8: il giro in corsia

Oggi siamo andati a fare il giro in reparto: accettazione, area travaglio e parto, reparto degenza SSN e degenza solvenza (che è il termine scientifico per dire "clinica a pagamento").

Bello, tutto nuovo e tirato a lucido, le sale travaglio sono veramente grandi e accoglienti, colorate... anche se io, personalmente, avrei decorato i muri con i coniglietti, non con i castori :D

Altre cose? Beh, insomma, niente che si possa descrivere a parole :) Consiglio: fate un giro al nido di qualche maternità... vi si apre il cuore!

martedì 10 novembre 2009

L'ha presa decisamente male...


Sto parlando di Francesco. Non è per niente contento del fatto che ormai lo spazio a sua disposizione sia finito. Anzi, diciamo pure che è arrabbiato come una bertuccia!

E siccome non riesce a scalciare né a voltarsi più di tanto, non fa che girare le gambe e spingere con le ginocchia e i pugni per cercare, invano, di allargare lo spazio.

O meglio, "invano" quando spinge verso la pelle, che più di tanto non cede, o verso le ossa, che non si spostano. Ma devo ammettere che ottiene ancora qualche successo, seppur di breve durata, quando preme sul diaframma, comprimendomi i polmoni fino alla dimensione di due arance!

Il risultato? per circa 3 minuti lui può muovere i piedini, mentre io rantolo sul divano boccheggiando come il pesce rosso quando salta fuori dalla boccia di vetro... speriamo non passi il gatto Silvestro, se no son cavoli! :)

domenica 8 novembre 2009

Il lettino!

Oggi abbiamo montato il lettino di Francesco! Con materasso, coprimaterasso e coprilettino, così non prende polvere.


Insomma, Francesco, qua è tutto pronto, ormai manchi solo tu, dai che io e papà ti aspettiamo!!!

sabato 7 novembre 2009

inizia la settimana 35

Wow, siamo sempre più vicini alla fine. Ma non passa mai...

Allora, andiamo con il consueto bollettino:

Peso: 70.4 Kg, ottimo direi...
Circonferenza: siamo sempre sui 110 cm, anche se in realtà ormai sembra di misurare un prisma, visto che ho bozzi e avvallamenti su tutta la pancia.
Alimentazione: la bramosia di frutta e dolci è rallentata, ma non molto. Grande rentrée della cioccolata (rigorosamente Lindt Excellence orange e poire).
Lindt Excellence Orange Lindt Excellence Noire Poire
Movimenti: Francesco sta finendo lo spazio disponibile e questo lo fa arrabbiare. Sta cercando in tutti i modi di allargarmi la pancia spingendo con piedi, ginocchia, mani, gomiti e schiena. Sembra un gatto chiuso in un sacco stretto... e se ve lo state chiedendo: si, fa male.

All'incontro del corso preparto ci hanno detto che un bambino dovrebbe nascere ottimalmente tra la settimana 38 e la 39, in ogni caso quando è pronto esce lui. Da come spinge, credo che Francesco si senta già pronto e, onestamente, per me andrebbe anche bene se uscisse all'inizio di dicembre :)

giovedì 5 novembre 2009

Corso pre-parto: 4 di 8 - Travaglio e parto

Oggi siamo andati all'incontro in cui si parlava di travaglio e parto. Erano invitati anche i papà.

L'ostetrica Francesca non c'era, quindi l'incontro l'abbiamo fatto con la sua collega Elena. E con altre 10/12 mamme di un corso del venerdì, che erano state anticipate causa trasloco del reparto nella nuova struttura. Una folla da paura, alla fine l'incontro l'abbiamo fatto... in corridoio! Come le assemblee di istituto al liceo :-)

Cmq, il succo dell'incontro è stato: partorirete con dolore. Punto.
Ci sono un sacco di cose che potete fare per alleviarlo, ma un po' vi tocca. Almeno finchè non passano le prime ore e non siete alla dilatazione giusta per passare ad un'epidurale (per chi vuole farla). (Io vuole farla!!!!).
Ora, tralasciando i dettagli meno interessanti, riporto le cose che secondo me sono importanti e sfatano alcuni miti che ci sono stati inculcati da fonti poco autorevoli.
1. non si va in ospedale quando le contrazioni sono regolari... perché le contrazioni non sono regolari! Non lo saranno mai, almeno per le prime ore del travaglio, quindi lasciate perdere la regolarità che non esiste e andate in ospedale con comodo dopo 2/3 ore al massimo di travaglio a casa. Se poi non vi sentite di stare a casa, andateci pure prima.
2. Se volete fare le stoiche, quelle che il travaglio lo fanno solo a casa, nel proprio letto e vanno in ospedale quando stanno per partorire... ok, ma prendetevi un'ostetrica privata a casa. Travagliare da soli è pericoloso, per se e per il bambino. Non è eroico, è stupido.
3. Esiste il falso travaglio: contrazioni dolorose, ma non da stendervi, che in realtà sono solo prodromi al travaglio vero e proprio. Se sapete riconoscerle, evitate di andare in ospedale, tanto vi rimandano a casa finchè non parte il travaglio attivo (che è moooolto più doloroso e vi piega letteralmente in due all'apice della contrazione).
4. Travaglio lampo: non è una buona cosa, contrariamente a quanto si pensi, un travaglio di 4/5 ore è molto più pericoloso perché ci sono altissimi rischi di emorragia per la madre. Per un primo figlio il travaglio medio è di 10/12 ore più un'ora di parto (salvo complicazioni). Ci toccano tutte...
5. Inutile la corsa in ospedale, se non ci sono complicazioni serie. Da quando parte il travaglio (o da quando si rompono le membrane, se il liquido amniotico è trasparente o opalescente), ci sono comodamente 3 ore di tempo per arrivare in ospedale. Se si rompono le membrane e il liquido è color verde palude, potrebbero esserci complicazioni per il bambino, meglio arrivare in ospedale appena possibile, ma non è un'urgenza. Unico caso da 118 (peraltro molto raro) è un'emorragia abbondante: in quel caso chiamare l'ambulanza, non muoversi da casa, restare il più immobili possibile e aspettare i sanitari, loro sanno cosa fare.

Per il parto: c'è poco da dire, ci sono le ostetriche, vi pilotano loro.

Una raccomandazione importante: in ospedale portatevi qualcosa da bere (tisane o gatorade) o mangiare (niente di unto o grasso, cose leggere come pane secco, miele, marmellata, mela, ...) e soprattutto un panino per il marito!

Curiosità di genitori inesperti: una pazza si è guardata su youtube tutti i video delle episiotomie, con fiumi di sangue che nemmeno Dario Argento... evitare assolutamente, tanto "se farla e come farla è una decisione dell'ostetrica e se lo fa, è perché è necessaria, non perché si è svegliata al mattino con la voglia di tagliare" (risposta dell'ostetrica alla domanda della pazza di cui sopra).

Mariti sbiancanti: in alcuni punti e dettagli, come l'imitazione di donna in travaglio fatta dall'ostetrica, ho visto alcuni futuri padri un po' provati... diciamo pure che non se l'aspettavano. Ma così è: doloroso, per noi che ci passiamo e per loro che ci vedono soffrire e possono solo guardare e tenerci la manina (che cmq, è già una gran cosa!!!). Angelo, ovviamente, non ha battuto ciglio. E' già un papà professional ;-D

mercoledì 4 novembre 2009

Conversazioni surreali... ma non troppo.

Conversazione potenzialmente autentica tra mamma Gioia e il suo cucciolo immerso nella tranquillità del suo spazio senza gravità, al caldo, in penombra e in un mondo di rumori ovattati...

Francesco: "Uff, cosa darei per potermi sgranchire un po' le gambine... vorrei fare un po' di stretching, ma non riesco."
Mamma Gioia: "Eh, no tesoro, non c'è tutto quel posto nella mia pancia."
F: " Però... mamma, prima ci riuscivo. Cos'è successo? Ti si è ristretta la pancia?"
MG: "No, piccolo mio, tutt'altro... la pancia continua a crescere, ma tu cresci più in fretta e così finisci lo spazio e non ci stai più così largo come i primi mesi."
F: "Ma come? Oh, mamma, ma se continua così come faccio? Finirà che non riuscirò più a muovermi e sarò bloccato immobile qua dentro, sempre più stretto!!!"
MG: "No, piccolo mio, non spaventarti, non succederà niente di simile... quando sarai abbastanza grande da riempire la pancia, vorrà dire che è arrivato il momento di uscire e vedrai quanto spazio avrai qui fuori."
F: "Uscire? Qui fuori? Cosa vuol dire?"
MG: "Uscire dalla pancia, piccolino, all'aria aperta."
F: "Cos'è l'aria?"
MG: "E' una cosa leggera e fresca, asciutta e spesso anche profumata. Vedrai che ti piacerà. E poi ci saremo io e papà ad aspettarti."
F: "Papà? Anche papà è lì fuori? Che bello, mi piace tanto papà, anche se ha una voce strana, non è chiara e forte come la tua."
MG: "Perchè la mia voce la senti anche da dentro la pancia, invece quella di papà deve attraversare la pelle. Ma vedrai che quando esci, sentirai bene anche la sua, forte e chiara. E sentirai un sacco di altri rumori: la voce dei nonni, la musica..."
F: "Oh, la musica la sento sempre, mi piace tanto. Ma tutti i suoni saranno più forti? Non mi faranno male alle orecchie? E se mi spavento?"
MG: "No, tesoro, vedrai che non saranno troppo forti e ti abituerai subito. Non devi avere paura di uscire, sarà un po' diverso da come sei abituato lì dentro, ma non preoccuparti, io e papà siamo qui per aiutarti e per proteggerti da tutte le paure. E poi, vedrai che bella camerina ti abbiamo preparato."
F: "Mamma, cos'è una camerina?"
MG: "E' una stanza, uno spazio molto più grande della pancia dove sei adesso, in cui potrai fare tutte le capriole che vuoi e giocare da solo o con noi, in cui c'è anche il tuo lettino nuovo."
F: "Un lettino? Com'è fatto?"
MG: "E' un piccolo nido, dove puoi fare la nanna e riposarti al calduccio."
F: "Ma mamma, tu ci sarai, lì con me nel lettino?"
MG: "Sarò sempre lì accanto, non preoccuparti. E anche papà. E tutte le sere ti racconteremo una storia per farti addormentare."
F: "Yawn... mamma, sai che sono un po' stanchino? E' così succede quando mi metterai nel lettino?"
MG: "Si, cucciolo mio. Adesso riposati, che fra qualche settimana verrà il momento di uscire."
F: "Oh, che bello... non vedo l'ora di uscire... e vedere te e papà... zzz"

lunedì 2 novembre 2009

Preparo la valigia

Ho tutto per la valigia, come da lista che ci hanno dato al corso preparto.
Ho comprato anche un paio di ciabatte da camera comode (le mie in effetti erano un po' alla frutta....) e un paio di camicie da notte in più, che ho già lavato e devo solo stirare.
In tutto ci metterò:
per me -> 4 camicie da notte (si dice che dopo il parto si sudi molto), calzini bianchi di cotone, le ciabatte da camera, le infradito di plastica per la doccia, due set di asciugamani, il beauty con gli effetti per la toilette, le mutande di rete monouso (sono orrende, ne ho prese 6 per scrupolo, ma spero già dal secondo giorno di poter mettere le mie...), una maglia XXL da battaglia per il parto e, per finire, una bella felpa ampia da usare come vestaglia se vado a spasso per il reparto (mi rifiuto categoricamente di comprare una vestaglia!). Ah, ovviamente anche il caricabatterie per il cellulare...
per Francesco -> di sicuro body+calzini+tutina per la dimissione, devo ancora decidere se portare i vestitini per i primi giorni, preferirei che lo vestissero con le vestine bianche dell'ospedale, forse è meglio per l'ombelico e tutto il resto. Poi, per portarlo a casa con la carrozzina, una copertina imbottita e il sacco carrozzina (che probabilmente porterà direttamente papà Angelo quando viene a prenderci).

Ora devo soltanto decidere quale valigia portare... probabilmente la più piccola dove ci stia tutto, per evitare di avere troppi bagagli ingombranti. Se servisse altro, c'è sempre papà Angelo che verrà a trovarci tutti i giorni... vogliamo fargli far qualcosa, no? :-)

sabato 31 ottobre 2009

34ma settimana... mancano 48 giorni all'ora X!



Bene bene bene.

Sono gonfia come una mongolfiera, ho il fiato corto, prurito su tutta la pancia e tutta la schiena, vertigini e nausea. Non sono mai stata così bene :D

Passiamo al consueto aggiornamento settimanale:
PESO: 69.7 kg
CIRCONFERENZA: 109 cm
POSIZIONE: cefalico, dorso a sinistra
ALIMENTAZIONE: acqua come se piovesse, frutta, marmellata, dolci, pasta, pane, formaggio... insomma, chi più ne ha più ne metta :D

Per oggi è tutto, appuntamento alla prossima settimana :)

martedì 27 ottobre 2009

Dal dutùr...

Stasera siamo andati dal dottore.

Francesco sta benissimo, il cuore batte forte e chiaro (anche se quell'oca della sua mamma si è dimenticata di non mettere la crema sulla pancia e l'apparecchietto scaricava suoni elettrici come una centrale dell'Enel).

Rispetto all'ecografia, si è già girato (ma l'avevo già sentito), adesso è cefalico con il dorso a sinistra, cioè, secondo il dottore, la migliore posizione per avere un travaglio il più veloce possibile.
Per il capoccione il dottore ha detto di non preoccuparmi, è assolutamente fisiologico che adesso sia più grosso, non significa niente di preoccupante, potrebbe semplicemente restare com'è fino all'ora X.

E' anche "terribilmente alto" (dutùr dixit), cioè è spostato ancora in alto rispetto al foro di uscita. Il che vuol dire che può ancora capriolare finchè vuole, in ogni caso finchè ha spazio e/o finchè non scende e si "incastra" con la testa. Detta così è un po' inquietante...

Beh, che dire... ci vediamo tra tre settimane :)

sabato 24 ottobre 2009

Ah, la luna....

Dolce e chiara è la notte, e senza vento
e cheta sopra i tetti e in mezzo agli orti posa la luna
che di lontan rivela, serena ogni montagna.

Così cantava il poeta... quale? Boh, me lo son scordato :) Mi ricordo solo l'incipit della poesia. Ma sto divagando...


Allora, ho guardato il calendario delle lune di dicembre, che non si sa mai che influiscano e, sorpresa sorpresa... il cambio di luna è il 16 dicembre, proprio 2 giorni prima della data presunta per il parto (DPP).

Ora ci sono diverse teorie: chi dice che conta solo la luna che passa da bianca a nera, nel mio caso quel passaggio è il 31 dicembre, cmq troppo tardi per la mia DPP. Ma c'è chi dice che conta anche il cambio da nera a bianca... allora mi sa che farò bene a tenere pronta la borsa qualche giorno prima :D

Ora vado a preparare la cena (filetti di cernia all'acqua pazza), che stasera gioca l'inter! Mica possiamo stare ancora in cucina alle 20.45....

33!!!!!



Siamo all'inizio della 33ma settimana. Bene bene :) Come potete vedere dal disegno preso in prestito da Parents Connect, Francesco continua ad incicciottirsi e sta mettendo i primi capelli.

Ma passiamo alla mamma-contenitore...

Peso: 70,1 Kg, siamo a +10 dall'inizio. Insomma, dai, va bene...
Circonferenza: 108 cm, stabile.
Alimentazione: sto morendo di passione per i dolci.... io che non ne ho mai mangiati! Ovviamente, cerco comunque di contenermi, ci manca solo che mi venga il diabete gestazionale a 7 settimane dalla fine!
Posizione Francesco: all'ecografia era cefalico lato destro, ieri si è girato e adesso dovrebbe essere cefalico lato sinistro (in pratica, fa le piroette sulla testa...), ma non è detto, perchè stamattina stava girando di nuovo... Speriamo bene che almeno rimanga cefalico!

Per il resto, tutto ok. E' arrivato il momento di ordinare il belly bandit :)

venerdì 23 ottobre 2009

Corso pre-parto, 3 di 8: l'epidurale

Oggi pomeriggio abbiamo avuto un incontro collettivo con l'anestesista, per parlare di analgesia epidurale (o peridurale, sono sinonimi).

Cose interessanti da ricordare:
1. l'analgesia peridurale non compromette le funzioni motorie, semplicemente interrompe la catena del dolore prima che arrivi al cervello. Diversa è l'anestesia spinale, che immobilizza completamente il corpo dall'ombelico in giù (e si usa per i parti cesarei programmati).
2. la peridurale viene fatta con l'inserimento di un piccolo catetere, in modo che se il travaglio è molto lungo possono essere somministrati altri boli di analgesico, se invece si passa al cesareo non serve la spinale, si inserisce attraverso lo stesso catetere la dose di anestetico.
3. la peridurale non funziona per tutti: nel 10/15% delle donne non fa effetto. In quel caso, si prova con una nuova dose e poi... si lascia perdere, sono donne sfortunate (speriamo non sia il mio caso!)

Poi ci sono alcune controindicazioni e/o rischi specifici:
- la peridurale non viene fatta se ci sono problemi alla zona lombare: infiammazioni muscolari, sciatalgie per ernie discali, problemi cutanei come acne purulenta, funghi o tatuaggi troppo fitti (l'inchiosto del tatuaggio, se arriva al midollo spinale, potrebbe causare un morbo che non mi ricordo il nome, ma crea danni permanenti).
- in caso di esami sballati (conteggio piastrine basso o PT/PTT lunghi) l'anestesista può decidere di non fare la peridurale, per evitare rischi neurologici
- in caso di malattie neurologiche (ad es alzheimer...) la peridurale può essere fatta previo consenso favorevole del neurologo
- in caso di allergie all'anestetico locale, la peridurale non si fa. Altre allergie, invece, non danno problemi.
- non si fa con la febbre sopra 38. Nessun problema, invece, se si è sotto terapia antibiotica.

Insomma, nel mio caso, non dovrebbero esserci controindicazioni... a meno che non mi venga il febbrone proprio il giorno del travaglio!
In ogni caso, bisogna fare prima la visita con l'anestesista che ci rilascia una cartella in cui c'è anche l'autodichiarazione che non abbiamo nessuna delle malattie di cui sopra. Poi al momento del parto, ci si presenta con la cartella e gli esami fatti da non più di 30 giorni: se tutto è ok, possiamo chiedere l'epidurale (ma non è un obbligo).
La cartella, in pratica, è un passaporto per averla... senza visita non si può fare l'epidurale, mentre una volta che abbiamo la cartellina, si può scegliere di chiederla o meno.

Io, da brava fifona e con il terrore del dolore, mi presenterò magari senza valigia, ma di sicuro con il mio passaportino analgesico sotto braccio! :D

giovedì 22 ottobre 2009

Corso pre-parto, 2 di 7... anzi, 2 di 8

Già perché il corso doveva essere fatto di 7 incontri, ma ne salterà uno perché l'ostetrica Francesca giovedì prossimo non può venire. Quindi faremo 6 incontri (saltiamo l'ultimo, di riassunto e saluti).
Però, ci sono altri due incontri bonus, uno con il neo-natologo e uno con l'anestesista, che sono facoltativi, ma io li farò comunque, quindi torniamo a 8 incontri.
Voilà, svelato il mistero :)

Allora, oggi abbiamo parlato di allattamento (oltre ad altre cose sparse come succede sempre quando si mettono 12 donne nella stessa stanza...)

Cos'ho imparato oggi:
- l'allattamento è una scelta individuale. se una donna, per motivi personali non se la sente o si sente a disagio, meglio che lasci perdere e passi all'artificiale o alla combinazione tiralatte+biberon. Il bambino ha un legame sensoriale fortissimo e diretto con la madre, sente il disagio e quindi è meglio allattare con il biberon con serenità, che fargli percepire una sensazione negativa.
- l'allattamento soddisfa due bisogni primari del bambino: nutrizionale e affettivo. L'attaccamento al seno è per il bambino una coccola, un rilassamento, un contatto sensoriale privilegiato con la mamma, gli serve a combattere la paura o l'ansia, lo calma se ha coliche al pancino ecc ecc ecc
- il latte materno è in assoluto l'alimento più adatto ad un neonato. Non c'è niente che lo equivalga.
- il latte viene fuori se il seno è stimolato (con la suzione) dopo 3/5 giorni dal parto: prima è solo colostro, che è importante comunque perché ricco di anticorpi per il bambino.
- meno allattate e meno latte avrete, e viceversa. E' importante lasciare che sia il bambino a tirare il latte con i suoi tempi, perché serve anche per regolare la produzione di latte alle sue effettive necessità.
- se il bambino fa male mentre allatta, vuol dire che è attaccato male, se è attaccato bene, non fa mai male (e non vengono le ragadi).
- per i primi 30/40 giorni, sarebbe meglio non usare né biberon né ciuccio. Il bambino si abitua a mordere anziché succhiare e ad afferrare male la tettarella (poi vengono le ragadi...).
- la montata lattea può essere dolorosa, dopo qualche giorno si assesta e passa anche l'arrossamento. Non usare il tiralatte durante la montata, se no si continua a stimolare il seno per una produzione eccessiva.
- Cambiare ogni tanto la direzione di "attacco" del bambino, serve a svuotare bene il seno e prevenire l'ingorgo.
- Attaccare il bambino a richiesta: il latte cambia mentre esce, prima è acqua, poi zucchero, poi grasso. Può darsi che il bambino tiri solo qualche sorsata perchè ha sete, ma va bene così. Il neonato si autoregola, se mangia abbastanza si vede dalla pipì e dalla cacca che fa: se sono almeno sei pipì e due cacche al giorno, è più che sufficiente (se ne fa più, tanto meglio).
- pesata una volta a settimana, il bimbo deve crescere 150/200 gr a settimana.
- durata ottimale dell'allattamento: minimo 3 mesi, per il passaggio degli anticorpi dalla mamma al bimbo. Già buono 6 mesi, perché dopo inizia lo svezzamento (prima non serve niente altro che il latte; acqua o tisane sono superflue, se non dannose perchè abituano il bambino al biberon). Ottimale: almeno un anno, così si evita il latte artificiale (dai 12 mesi può prendere il latte vaccino).
- durante l'allattamento non ci sono limitazioni particolari alla dieta: no fumo/superalcolici/droghe, non esagerare con i cibi irritanti (salame/ cioccolata/ vino/ caffè/coca...), non c'è rischio toxoplasma, non ci sono cibi in assoluto che diano coliche al bimbo (ogni mamma si regola con le reazioni individuali), bere molta acqua (il latte materno è fatto al 75% di acqua).

Bene, per oggi è tutto, vado a ripassare le posizioni di allattamento...

mercoledì 21 ottobre 2009

oggi terza ed ultima ecografia

Stamattina abbiamo fatto l'ultima ecografia, di valutazione della crescita.

Abbiamo optato per quella "standard", che era gratuita, quindi stavolta niente 3D. In realtà, sono io che non ci ho proprio pensato e quando me ne sono resa conto... era già ieri :) Quindi per questo giro niente foto a colori, ma potete fidarvi: il nostro cucciolo è bellissimo anche in bianco e nero! E poi, tra 8 settimane avrò fra le mani l'originale... dopo si che gli farò tutte le foto che voglio!

Francesco sta benissimo, è perfettamente nella media con peso (2,070 Kg) e circonferenza addominale, ha il femore leggermente più lungo della media (d'altronde siamo o non siamo due spilungoni?) e la testa... ehm... la testa... come dire... grossina. Cioè, un po' sopra la media. Nel senso... sempre nella curva dei parametri regolari, ma molto verso l'alto. In pratica, a 31 settimane ha la testa di un bimbo di 34. Ehm...

Va beh, prendiamola con filosofia, tanto passano tutti no? Vorrà dire che ha più spazio per sviluppare il cervello... e soprattutto, adesso che sappiamo che sarà di lunghezza e peso normali (salvo ingrossamenti imprevisti, dovrebbe nascere intorno ai 3,2/3,5 kili al massimo), posso dare libero sfogo allo shopping!!!

domenica 18 ottobre 2009

La copertina di Francesco

Come promesso...



Beh, che ve ne pare?

sabato 17 ottobre 2009

Prénatal: l'incontro mamme. Serve davvero?

Sono appena rientrata dall'incontro mamma che Prénatal organizza per le titolari della carta fedeltà.

Gli incontri in realtà sono due, uno dedicato alle mamme e ai cambiamenti a cui andranno incontro durante la gravidanza e un'altro dedicato ai bambini e a come prendersene cura quando escono dal tunnel della felicità.

Mi ricordavo di essermi iscritta all'incontro per i bambini in novembre, perché l'incontro mamme si fa nelle prime settimane e a luglio non c'era più posto. Quando mi hanno chiamato, ieri l'altro, per chiedermi conferma della partecipazione, sono rimasta un po' perplessa, ma poi ho pensato: vorrai mica fidarti della tua memoria inaffidabile? E così ho confermato: sabato, alle 14.15, ci sarò.

Ovviamente, questo era il primo incontro, ma già che c'ero tanto valeva restare, che male non fa. E poi volevo la penna cicciona e il bloc notes in omaggio.


L'incontro è in generale interessante, un po' markettaro ma entro limiti ragionevoli, abbastanza informale e non tecnico come un corso preparto (infatti i pochi padri presenti non erano particolarmente a disagio).
E' stato anche utile? Beh, per me forse non tanto... nel senso che è inutile che mi spieghi come riconoscere le farfalline dei primi movimenti, quando Francesco ormai già fa i carpiati e i doppi salti mortali. Come è inutile che mi dici che sentirò dei fastidi localizzati se si appoggia ad un organo interno, visto che sono tre giorni che cammino a mala pena perchè Francesco usa la mia colonna vertebrale come un punching ball.
Però, in effetti, se ci fosse stato posto all'incontro prima della 20ma settimana, avrei saputo da subito cosa mi aspettava.

In conclusione la risposta è:
è utile se lo fai al momento giusto, diciamo fino ai primi movimenti fetali. Dopo, tanto vale passare direttamente al secondo incontro.

settimana 32


Siamo alle battute finali e, devo dire, più impegnative. Questa settimana siamo entrati nell'8° mese e Francesco ha deciso di rendere l'esperienza "interessante"...

Bollettino settimanale di oggi:
Peso: 68,8 Kg, siamo ormai stabilmente nell'intorno dei 69 kili, il che vuol dire all'incirca +9 Kg dall'inizio della gravidanza. Perfetto, direi...
Circonferenza: nei giorni scorsi la pancia si è un po' abbassata e re-distribuita, con il risultato di essere scesa di nuovo a 106 cm di circonferenza massima. Meno male :) Se no non mi entrava il Belly Bandit che sto per ordinare...
Alimentazione: continuano i disturbi gastrici a metà mattina, ma niente di serio.
Movimenti: qui viene la nota dolente...

Francesco giovedì scorso si è spostato, scivolando verso il basso, in posizione traversa. Il tutto mentre eravamo al primo incontro del corso pre-parto, con il risultato che mentre le altre 10 mamme erano educatamente sedute composte sulle poltroncine, io sembravo una tarantolata e non riuscivo a stare ferma in nessuna posizione... Provate a legare un gatto ad una sedia e avrete lo stesso effetto.
Il peggio è venuto subito dopo, perché Francesco probabilmente si è appoggiato alla mia spina dorsale e da allora, ad ogni movimento, mi schiaccia qualche nervo creandomi delle fitte dolorosissime.
Anche stamattina, mentre mi guardavo allo specchio, deve aver schiacciato il nervo che tiene dritta la gamba destra, con il risultato che ho perso all'improvviso l'appoggio sulla gamba in questione e, se non mi fossi afferrata con le mani al lavandino, sarei caduta a terra come un sacco di patate.
In ogni caso ogni posizione adesso è scomoda, fatico ad alzarmi e a scendere le scale perché non ho più forza nelle gambe, cerco di tenere la schiena il più dritta possibile, per non farlo pesare troppo sulla spina dorsale... e ogni tanto faccio 4 passi, nella speranza che presto si giri di nuovo.

Figlio mio, mi stai facendo vedere le stelle... e senza cannocchiale!

giovedì 15 ottobre 2009

Corso pre-parto: 1 di 7

Stamattina io e papà Angelo siamo stati al primo incontro del corso pre-parto.

Al telefono mi avevano detto che la partecipazione dei papà è graditissima e caldamente consigliata e infatti... l'unico papà presente era Angelo. Che devo dire, ha gestito benissimo e con molta classe l'imbarazzo di trovarsi in aula con 12 donne che parlavano di cose estremamente femminili.

Comunque: tema del primo incontro era un'introduzione e un po' di burocrazia. Cosa mettere nella valigia dell'ospedale, quali documenti preparare prima e dopo la nascita, come registrare il bambino all'anagrafe, quali numeri telefonici/uffici/consultori possono dare supporto e varie altre cose.

Tralascio la fase di presentazione delle mamme e i racconti non proprio "semplici" di chi era già al secondo figlio (nato prematuro, per cui il corso non era riuscita a farlo) o alla seconda gravidanza.

L'unica cosa veramente interessante da riportare qui è la lista dell'ospedale, che per la Mangiagalli di Milano è COMPLETAMENTE diversa da quella che spacciano nei negozi di abbigliamento e/o accessori per mamme e bambini (ivi incluso il pluricitato Prénatal che presenta una lista infinita...).
Le voci della lista sono in grassetto, il resto sono commenti aggiunti a voce dall'ostetrica. Quando preparare la valigia è a discrezione della mamma, non ci sono indicazioni precise (certo, se non aspettate proprio gli ultimi giorni è meglio).

PER LA MAMMA:
- camicie da notte comode per allattare: comode vuol dire camicie o pigiami, come una si trova meglio. Per allattare vuol dire larghe e un po' scollate, non necessariamente quelle orrende con i bottoncini. Non specificano un numero minimo da portare, dipende dalle preferenze individuali e da quante volte volete cambiarvi in quei tre giorni. Per il giorno del parto, meglio una maglietta molto grande o una camicia da notte molto vecchia, così poi potete buttarla perché si concerà.
- mutande monouso: gli slip usa e getta non sono obbligatori, è semplicemente più pratico così non dovete lavarli, ma se volete portarvi le vostre mutande "standard" no problem. Tra i modelli usa e getta, consigliano quelli in rete, che tengono meglio l'ambaradan degli assorbenti post parto rispetto a quelli in carta.
- ciabatte di gomma e cuffia per la doccia: dopo il parto ci si fa una bella doccia, ma sono doccie tipo piscina, dove magari sono passate altre mamme, quindi meglio usare le ciabattine che è più igienico. La cuffia serve solo se non volete lavarvi anche i capelli.
- asciugamani: per la camera in maternità SSN non li forniscono, al Santa Caterina invece sì, quindi nel caso non servono.
- necessario per l'igiene personale: eventualmente anche per il trucco, se vi fa stare meglio essere carine e presentabili.
- calze di cotone: su queste non c'è molto da dire, il concetto è: niente collant o gambaletti sintetici. Ma se volete stare senza calzini... feel free.

Fascia addominale e assorbenti non sono necessari: loro forniscono quelli in garza e cotone (più adatti a contatto con i genitali rispetto a quelli in materiali sintetici), ma consigliano di portare anche qualche assorbente normale (quelli per il ciclo) da mettere tra lo slip e l'assorbente in garza e cotone per non sporcarsi dato il flusso abbondante dei primi giorni.

Per quanto riguarda i reggiseni da allattamento, l'ostetrica ha alzato gli occhi al cielo e ha lasciato cadere il discorso. Probabilmente non servono a niente finché sei in ospedale... in effetti, mia madre non li ha mai avuti, eppure ha allattato due figlie!

In generale sconsigliano di portare oggetti di valore, molto denaro, bagagli ingombranti, ecc ecc... e di fare attenzione ai propri effetti personali.

PER IL NEONATO:
- 3 tutine
- 3 body di cotone con mezza manica
- 3 paia di calzini di cotone
- abitini per la dimissione

In realtà, durante la degenza le ostetriche hanno tutto per vestirli (body, camiciole e ghette tutto bianco e rigorosamente lavato e sterilizzato), quindi portate i vostri solo se volete vestirlo con la vostra roba.
Per la dimissione servono: 1 body, 1 tutina, 1 paio di calzini e una copertina per farlo uscire dall'ospedale, molto meglio e molto più pratica dei tutoni imbottiti che, ci ha spiegato l'ostetrica, vanno benissimo se li portate a fare passeggiate in montagna o sotto la neve, ma per andare dall'ospedale alla macchina e dalla macchina in casa sono solo un impiccio e il bimbo rischia di avere troppo caldo.

ESAMI
- gruppo sanguigno
- eventuale test di Coombs: se non sapete cos'è, vuol dire che non vi serve
- tutti gli esami del sangue e urine effettuati: anche esami immunologici (rubeotest, toxotest, screening epatite)
- ecografie effettuate
- tampone vaginale: questo va fatto l'ultimo mese, nel caso ve lo prescrive il ginecologo

DOCUMENTI ORIGINALI E NON SCADUTI
- tessera sanitaria
- codice fiscale
- documento d'identità

Seguono i numeri telefonici utili da chiamare, ma preferisco non riportarli: sempre meglio informarsi direttamente in Mangiagalli almeno un paio di settimane prima del termine.

mercoledì 14 ottobre 2009

la copertina

in lana all'uncinetto, color ruggine con la F calligrafica in bianco, è quasi finita.

Ora posso proseguire con le tartarughe. Presto le foto...

martedì 13 ottobre 2009

E' ARRIVATO, E' ARRIVATO!!!!

No, non Francesco :) Lui arriverà a dicembre, come da Gantt.

E' arrivato il seggiolone, Chicco Polly Magic Sea Dreams, regalo della nonna Vittorina. Ce l'hanno consegnato stamattina.

L'abbiamo comprato insieme al trio Inglesina Zippy System Blue Notte, regalo del nonno Pinuccio.

Abbiamo comprato il tutto su questo sito domenica sera, ad un ottimo prezzo rispetto ad altri rivenditori, con spese di spedizione dignitose... e stamattina ce l'hanno consegnato.

Se fosse stato un negozio ebay, avrei lasciato un feedback 5 stelle :)

Altro da agigungere? Beh, direi di si!
grazie nonni!!!

domenica 11 ottobre 2009

fiera gita o gita in fiera?

Oggi a Novegro c'è Bimbinfiera . Quale migliore occasione per andare a sbirciare i modelli di passeggino superleggeri che si aprono con un dito e si chiudono direttamente con il bambino dentro? o i seggioloni autocullanti, che fanno fare anche il ruttino? o le altre mille meravigliose attrezzature per i cuccioli di homus technologicus in arrivo?

Per almeno 5 lunghi minuti, io e papà Angelo ci siamo scervellati con l'amletico dubbio: "andare o non andare?". Poi abbiamo pensato: sui siti on line, abbiamo trovato le ultime cose che ci servono (davvero) al 20-30% in meno del prezzo di listino. Anche immaginando che in fiera vendano i prodotti (cosa per nulla scontata), alla fine potremmo risparmiare quanto...? 10 euro? 20? Considerando che l'ingresso sono 9 euro (a testa), forse che forse possiamo anche andare da qualche altra parte...

E così, la gita in fiera è stata barattata per una fiera gita al lago di Lecco, con passeggiatina a guardare le papere, una bella pizza e uno sbircio veloce al mercatino delle cianfrusaglie. Decisamente più rilassante... e più utile per il piccolo Francesco :)

sabato 10 ottobre 2009

come la va? la va, la va....

oh, allora, aggiornamento settimanale: inizia la 31ma

peso: 69.1 kg (ma mi sono pesata di sera, ci sarà almeno un mezzo kiletto in più rispetto alla pesata di mattina...)
circonferenza: 109 cm. alla faccia... la mia amichetta Barbara che è 6 settimane avanti a me non è arrivata a 103! va beh che lei è magrina magrina, però...
fastidi: la gastrite va scemando, probabilmente aveva ragione la nonna, stava facendo i capelli. adesso saran già cresciuti e ha smesso.
movimenti: ehi, tu, piccolo Eto'o, la pianti di tirare i rigori? il mio ombelico non è un pallone da calcio!
gioco della settimana: afferrare con le manine le pieghette interne della placenta e girare il polso. Francesco impara a stringere i pugnetti e la mamma a trattenere le grida di dolore. Avete mai provato a bucarvi la pancia dall'interno con un ferro da calza appuntito? Stesso effetto.

Su, su, siamo alla fine del settimo mese, ormai si intravede la fine del tunnel... per tutti e due. Anzi, per tutti e tre, che anche papà Angelo non vede l'ora di esercitarsi con cremine e pannolini :)

venerdì 9 ottobre 2009

la nonna, la nonna!

Questa settimana è venuta la nonna Vittorina ad aiutarmi. Meno male, nonostante i 70 e passa anni, ha più energia di me (non che in effetti ci voglia molto, visto che con la panciotta a metà scala ho già il fiatone...).

Abbiamo messo a posto il giardino e i mobili da giardino per l'inverno, pulito le persiane (grande passione della nonna fin dalle prime visite in cascina), comprato le tende per la cameretta, spulciato tra le occasioni dell'Ikea per pescare utilissimi lenzuolini per culla (che in esposizione non trovavo... chissà dove le tenevano), e poi... la nonna ha regalato a Francesco i pesciolini per la cullina :)

La cosa bella, è che tutti i pesciolini guardano in giù! Così Francesco potrà vederli dritti in faccia :)


martedì 6 ottobre 2009

Dal dutùr: il controllo

Stasera siamo andati a fare il controllo dal ginecologo: esami ok, aumento peso ok, calci nello stomaco ok, cali di pressione nella norma.

Insomma, il fanciullo cresce benissimo :)

domenica 4 ottobre 2009

buon "prossimo" onomastico.

Oggi è il 4 ottobre, San Francesco. Tra l'altro anche patrono d'Italia.

Tecnicamente non credo si possa parlare di onomastico per il mio piccolo Francesco, visto che ancora non è nato e, di conseguenza, non è battezzato.

Però, io e Angelo volevamo fargli lo stesso gli auguri... in anticipo di un anno :)

Speciale anteprima: le bomboniere per il battesimo (si, ho un sacco di tempo libero a casa, almeno finché non arriva il protagonista...)



sabato 3 ottobre 2009

inizia la trentesima settima

auf, un po' alla volta, si va sempre avanti...

aggioramenti:

Peso: 67,5, in crescita lenta lenta, ma costante
Circonferenza: 106. sinceramente, da come mi sento goffa, credevo di essere molto più ingombrante, rispetto a due settimane fa.
Alimentazione: bevo sempre più acqua, che è un bene. Mangio un sacco di frutta, che è sempre un bene. Ogni tanto ho voglia di un dolcetto, che tutto sommato male non fa. Però la gastrite... quella si che sta tornando di brutto, e fa decisamente male!

Dotazioni domestiche: vestitini, lenzuola, asciugamani ecc ecc sono più o meno tutti già lavati, stirati e piegati. Organizzati per trimestre in opportune buste salva-polvere e scatole etichettate. Ho scelto seggiolone (che regalerà la nonna Vittorina) e il trio passeggino/carrozzina (che regalerà il nonno Pinuccio), devo solo trovare il miglior prezzo on line e ordinarli.
Beh, non manca nulla, a parte tutto il resto. Giusto? :)

sabato 19 settembre 2009

Ah, le spinacine fritte...

La settimana 28 comincia con una bella nottata di dolorini allo stomaco.

Le spinacine di pollo, fritte (...ok, lo so...), non sono decisamente una cena leggera. Ma erano buone... e poi, dopo mesi che non conosco più la gastrite, vado a pensare io che lo sport della settimana (calci nello stomaco alla mamma) potesse fare tanti e tali disastri?

Li ha fatti, ieri sera coliche all'impazzata, rigurgiti e quante altre schifezze possono nascere dal mix tra cena pesante e Francesco calciante. Ho passato la notte a sedere sul letto, cercando di non scivolare, per non far ripartire i dolori lancinanti...

Ma passiamo al bollettino settimanale:

Peso: 67,2 Kg. Ormai abbiamo stabilmente passato i 67, nonostante l'altalena di quasi mezzo chilo che caratterizza le pesate ogni mattina.
Circonferenza: io mi vedo sempre più gonfia, ma il metro dell'Ikea (anzi, i due metri attaccati con lo scotch) continua a fissare 103 cm. Mah...
Alimentazione: dopo ieri sera, lasciamo perdere... mi sa che in generale, la gastrite torna a farsi sentire. La pacchia di formaggi e latte sta volgendo al termine. Che iella...
Cambiamenti in casa: ho gli stendipanni perennemente occupati dalle decine e decine di tutine, magliette, bodini, pigiamini... che ci ha dato la zia Gloria. Scatoloni Ikea con lettini e fasciatoi, buste azzurre con imbottiture varie, paracolpi, marsupi, infant sit, ecc... stanno progressivamente occupando gli ultimi spazi calpestabili in cameretta. Strategia: accumuliamo tutto adesso e poi, a novembre con calma, si comincia il montaggio.

Ce la possiamo fare, su su, mancano meno di tre mesi...

sabato 12 settembre 2009

E abbiamo fatto 27!!!

Oh, bene, anche la 27ma settimana è cominciata.

Gli esami sono tutti perfetti, il dutùr li ha ricevuti via mail e conferma che sono apposto. Che dutùr multimediale :)

Aggiornamento dimensioni:
PESO: 65,8 kg, tendenzialmente stabile
CIRCONFERENZA: 104, misurati con il metro della Vittorina. Che si chiama metro ma è lungo un metro e mezzo... :)
MOVIMENTI: scalcia, eccome se scalcia. Cioè, ieri è stato tranquillo tutto il giorno, in effetti non ero proprio tranquillissima io... poi all'IKEA si è dato una svegliatina, si vede che capiva che stavo comprando le sue cosine, e ieri sera, a casa della nonna, si è messo bello comodo a stiracchiarsi e pedalare. Oggi direi che è in gran forma :)

Mi sembra che non ci sia altro, per questo sabato. Buon week end a tutti :)

sabato 5 settembre 2009

inizio settimana 26


Oh, bene, siamo all'ultima settimana (più o meno) del sesto mese.

Allora, è un po' che non pubblicavo il bollettino settimanale, per via delle vacanze, ma adesso riprendiamo con le buone abitudini.

Peso: 65,7 kili, perfettamente in linea con i celebri "un kilo al mese"

Circonferenza: sembra che abbia inghiottito un cocomero. Intero. Domani prendo un metro di carta all'Ikea, così comincio a misurarmi la panza (sperando che ne basti uno...)
A parte quello, sono sempre magra come prima, il sedere si è sgonfiato ancora un po' e ho un paio di morbidi cuscinetti in corrispondenza dei reni. Anche il seno, dopo l'esploit di fine luglio, è stabile alla terza.

Domensioni del bimbo: dice la newsletter di Parents Connect che Francesco dovrebbe essere lungo circa 34 cm e pesare circa mezzo kilo. Ma è gigantissimo!!!

Movimenti: Francesco è scatenato, l'altro giorno ha cominciato le lezioni di Mazurca, con la gambetta alzata...
Abbiamo anche inventato un nuovo gioco: io o Angelo appoggiamo un tiro alla pancia e lui, da dentro, lo spinge in fuori. Allora spostiamo il dito e lui PUM, di nuovo una bella spintarella. E non è che si smette quando vogliamo noi, perchè se no calcia finchè non gli rimettiamo il dito!

Alimentazione: ho ricominciato a bere il caffè. O meglio, l'ho sempre bevuto per la pressione (che è sempre bassa, ma non mi dà problemi in queste settimane), ma adesso non mi dà fastidio :)

Sono ufficialmente a casa dal lavoro, non ce la facevo proprio a spararmi più di un'ora di auto + treno + metropolitana per andare in ufficio e altrettanto per rientrare la sera... e, ovviamente, di telelavoro in Italia non si può parlare. Va beh, ho più tempo per i corsi in piscina e la preparazione della stanza di Francesco :)

giovedì 3 settembre 2009

Sport estremi: prenotare il corso pre-parto

Oh, bene, è giunto il momento di pensare al corso di preparazione al parto. Dove? In Mangiagalli naturalmente...

A dire la verità, ci avevo già pensato a giugno, ma quando ho chiamato mi han detto che le prenotazioni per il corso di ottobre (a cui appartengo per diritto di nascita - di Francesco) si aprivano il 3 settembre.

Gentile voce al telefono: "Non si scoragi se trova occupato, è che le iscrizioni sono aperte fino ad esaurimento posti e accettiamo prenotazioni solo telefoniche. Se poi non riesce a trovare posto, non si preoccupi, può farlo ovunque e partorire con noi in ogni caso, non è vincolante."

Non sarà vincolante, ma preferisco farlo con voi per conoscere le ostetriche, visto che saranno le persone che, nel momento critico, staranno attorno a me e ad Angelo... e anche a Francesco, naturalmente :)

Ok, sono pronta, sono le 9.49 del mattino, ho tre telefoni allineati, numero preimpostato, alle 10.00 aprono le iscrizioni, devo solo chiamare a raffica finchè non prendo la linea.

Angelo via Google Talk: "Sarà bombardato di future mamme molto determinate..."
Si, ma io sono la più determinata di tutte!

Pipì, fatta.
Bottiglia di acqua, ce l'ho.
Divano, comodo.
Telefoni, ci sono tutti e tre, in fila davanti a me.
Perfetto, ho autonomia almeno fino a mezzogiorno, quando chiudono le telefonate.

Scattano le 10, inizio a chiamare... accidenti, ancora il risponditore automatico.

10.02 ancora risponditore...

10.03 la linea? non la prende? la prende? porca l'oca! è occupato! hanno aperto la linea!!! Via con tutti i telefoni, a raffica...

10.08 Angelo da Gtalk: "come va?" Io: "spett, tel tel tel x3"

10.13 puff pant, le dita cominciano a intorpidirsi. Vodafone, il numero chiamato è occupato... tuut tuut tuut tuut... chiudi richiama... vivavoce... richiama... numero occupato.... tuut tuut tuut ... chiudi, richiama... Vodafone....

10.21 accidenti, un insetto sul pavimento, ma non posso abbandonare la posizione! splaf, sciabattata volante tra un chiudi e un richiama. Poi pulisco.

10.27 cominciano a incrociarsi gli occhi, non capisco più niente. le dita cliccano tasti da sole, porca paletta, ma era occupato o libero? via via, richiama...

10.29 Angelo da Gtalk: "?" Io: "pant"

10.33 acciderbolina, il telefono di casa sta cedendo, ha cancellato i numeri chiamati, ricomporre, presto, subito...

10.39 ma cos'è? chi mi chiama? ma no, non rispondo, vai a quel paese! via via, ignora, chiudi, richiama...

10.42 perdincibacco, il cell dell'ufficio sta cedendo, ha cancellato tutti i numeri in memoria, ricomporre, presto ricomporre...

10.47 oh diamine, portatile di casa con batteria quasi scarica... resisti, dai resisti... chiudi, ricomporre, vivavoce...

10.54 corbezzoli, anche il GPhone ha la batteria in riserva, non mollate adesso, coraggio, ce la facciamo... un'ultimo sforzo... chiudi, richiama...

10.58 "pronto? pronto? c'è nessuno in linea?" ma chi, ma cosa? Oh mamma, ma che telefono è? il gphone, il gphone!! "Si, pronto, salve, voglio fare il corso preparto da voi!"

Evvai!!! Ce l'ho fatta!!! Campioni del mondo!!!

martedì 1 settembre 2009

la visita dal dutùr

Visita di controllo al rientro dalle vacanze.

Dutùr: "Si muove?"
MammaGioia: "Come un ballerino di Mazurca. Sempre con la gambetta alzata."
Dutùr: "Quante volte al giorno lo sente muovere?"
MammaGioia: "Dalle tre alle sei o sette volte, in pratica ogni volta che mi siedo o stendo comincia a bussare. E va avanti per un quarto d'ora buono."
Dutùr: "Ha fastidi? Indolenzimenti? Crampi? Senso di gonfiore?"
MammaGioia: "No, nessuno dei suddetti."
Dutùr: "Sente ogni tanto la pancia dura."
MammaGioia: "Si, a volte, quando cammino molto o sto in piedi, ma poi se mi siedo si rilassa subito."
Dutùr: "Lo fa quando cresce, è normale."
MammaGioia: "Ok, quindi tutto bene?"
Dutùr: "Direi proprio di si! Ora le prescrivo i prossimi esami e la prossima ecografia."

E bravo il dutùr!

martedì 25 agosto 2009

e la mamma ha fatto shopping...


Non ho resistito, alla fine quando sono entrata da GAP Maternity al centro commerciale di Albany... con il dollaro a 69 centesimi... dai, come si faceva a lasciare li' tutta quella bella roba???
E cosi', saro' la mamma piu' elegante della cascina, il prossimo inverno... :)

domenica 23 agosto 2009

7 modi perché la mamma si ricordi che ci sono anche io!

Ho studiato e affinato, in questi ultimi due mesi, un serie di tecniche molto efficaci perché la mamma si ricordi sempre che sono qui dentro...
1. Le bollicine: il primo e il piú semplice dei sistemi, muovere il liquido della mia piscinetta di qua e di là. Certo, ci ha messo un po' la mamma a capire che ero io e non quel sacchettone lungo lungo in cui ogni tanto passa un po' di aria. Chissà poi a cosa servirà, mi sembra di averne uno piccolino anche io...
2. Le fitte all'inguine: facilissimo, basta spingere i piedini alla base dell'articolazione della gamba quando la mamma è seduta, così appena si alza sente un crampo forte e si rimette subito a sedere per massaggiarmi finché non mi sposto.
3. Il solletico: anche questo è facilissimo, basta sgambettare con le gambine verso il basso della pancia. La mamma ride sempre un sacco! E a volte sento ridere anche papà!
4. Le capriole: questa era difficile, all'inizio, ma ormai sono diventato bravissimo, riesco a girarmi da destra verso sinistra e viceversa in meno di un minuto!
5. I pizzicotti: anche su questa mi sto allenando molto, non è facile afferrare le pareti della piscinetta con le manine, ma quando ci riesco stringo forte forte e la mamma capisce subito che sono stanco e si stende per benino.
6. I pugni al pallino: in mezzo alla pancia della mamma c'è una specie di pallina che sporge in dentro. È strana, perché tutto il resto della pancia è tondo e liscio come una zucca... cmq, quando lo prendo a pugni, la mamma si siede subito e comincia a chiacchierare con me. È così bello quando mi dice le cosine con la voce dolce dolce...
7. La lotta con papà: questo è il mio preferito! Quando la sera la mamma si stende, comincio a tirare qualche calcio qua e là, finché la mamma non lo dice a papà. Allora lui arriva e si mette vicino a me, mi chiama e mi parla attraverso la pancia e poi appoggia l'orecchio e allora io gli do un sacco di pugni e calci e lui ride tantissimo! È proprio divertente giocare con il mio papà!

sabato 22 agosto 2009

Back to the USA

Siamo rientrati negli States. Non credo Francesco sia entusiasta, è da stamattina che tira calci e mi dà i pizzicotti dal di dentro. Lo capisco, il Canada ha il suo fascino...
Però devo ammettere che il Vermont non sembra niente male. E soprattutto qui c'è Gap Maternity, che in Quebec la linea premaman non la distribuiscono. Il che vuol dire... altro shopping dedicato alla mamma :)

venerdì 21 agosto 2009

Una complemamma?

36. Non è il mio numero di scarpe, sono gli anni che compio oggi.

Da piccola pensavo che a 30 anni sarei già stata vecchia. A 36 al limite della pensione. Un rottame insomma. Una cariatide. Mai considerato di avere una famiglia, men che meno dei figli.

E invece... invece non mi sono mai sentita così bene. La mia famiglia in espansione è il miglior elisir di lunga vita per me.
Grazie Angelo, ché ci sei.
Grazie Francesco, ché stai arrivando.

Francesco a Montreal

Siamo nella città più grande del Quebec.
Non è bella come Quebec city, ma non è male. Diciamo che è come Boston, ma senza le balene :-)
In compenso, euro forte e saldi ci hanno spalancato le porte dei centri commerciali del centro. E sembra che Francesco l'abbia capito, visto che dopo la visita da Gap ha cominciato a saltare come un capretto. Tanto che durante la visita alla cattedrale non riuscivo più ad alzarmi :-)
E anche adesso sta sgambettando come se dovesse attraversare il San Lorenzo a nuoto... forse dovevamo comprare anche un paio di pinne :-D

martedì 18 agosto 2009

Al pupo piace il Quebec

Siamo in Quebec da quattro giorni e Francesco è a dir poco in fibrillazione.
Decisamente se la passa bene: saranno i ritmi rilassati che fanno tanto bene alla mamma, saranno le musichette che si sentono ovunque, saranno le dormite da 10 ore filate... fatto sta che dorme come un ghiretto e quando è sveglio non la smette di giocare.
Ieri, ad esempio, si è svegliato e ha cominciato a prendere a pugni il mio ombelico dal di dentro. Sembrava che ballassi la danza del ventre da ferma :)
Poi, quando è arrivato Angelo, ha cominciato a fare la lotta con suo padre e sono andati avanti per dieci minuti buoni. Uno di qua e uno di là dalla pancia. E io in mezzo a fare da punching ball :)

mercoledì 12 agosto 2009

live from Salem

no, non la citta' delle streghe e del romanzo di Stephen King, quella e' la Salem del Massachussets. Dove peraltro eravamo ieri, e devo dire che e' veramente una bella gita da fare, a due passi da Boston!

Cmq, oggi siamo a Salem nel New Hampshire. E che ci fate nel New Hampshire? Oeuff, devo proprio spiegare tutto ;) Nel NH non c'e' la sales tax. In pratica, tutto costa meno che in tutti gli altri stati d'America. E quindi... siamo nell'Apple Store del NH :) Angelo doveva comprare un paio di accessori con la mela...
Cmq, stiamo anche facendo un po' di shopping selvaggio> i levis 501 costano 35 dollari, che con il cambio di oggi (1.42) sono circa... uhm... meno di 25 euro al paio.

Pero' siamo stati bravi, abbiamo comprato anche un po' di cosine carine per Francesco :) E ieri, ad Harvard, gli abbiamo gia' comprato la maglietta ufficiale dell'universita'!

martedì 11 agosto 2009

live from Boston

Con un mac in prestito dall'Apple Store di Boston (che peraltro e' davvero bello) posto le news del giorno.
Stiamo facendo la nostra prima vacanza in tre, e devo dire che e' proprio divertente! :)
Francesco e' bravissimo, non fa storie e non fa scherzetti alla mamma. Oggi siamo andati a fare whale watching e sembra che si sia divertito anche lui, per tutte le capriole che faceva... :D
Adesso siamo in giro per shopping, e saremo a Boston anche domani, quando andremo a visitare l'MIT e Harvard. E poi anche Salem, sperando che da grande Francesco preferisca le prime due destinazioni alla terza :)
Per il resto ci sarebbe molto da raccontare, il New England e' notevolmente sopra le mie aspettative, Boston e' una citta' modernissima, ma con il fascino delle piu' belle citta' europee. Certo, proprio pulita pulita non e'... diciamo che in media tutto il New England e' sugli standard inglesi: molto ordinato, molto curato, molto verde... ma la pulizia e' un'altra cosa :)
Stiamo sfatando un sacco di miti americani: le autostrade non sono gratuite, il wifi non e' gratuito e non e' ovunque, gli americani non sono tutti obesi... ehm, no, questo non e' esattamente sfatato :) diciamo che il 50% degli americani sono obesi, in maniera scandalosa, davvero enormi! Gli altri sono normali. Quello che manca e' la misura: cicciottello, che invece da noi va per la maggiore... :)

domenica 9 agosto 2009

Il primo viaggio in tre

Siamo finalmente arrivati in albergo a New York. Ora locale le 22. Ora italiana... indecente :)

mercoledì 5 agosto 2009

chi ben comincia...

Stamattina siamo andati in centro, per una commissione importante.
Siamo passati accanto alla Città del Sole... fantastico! hanno un sacco di cose meravigliose per i bambini e così... ho comprato a Francesco il suo primo libro.
Si tratta di un libro illustrato, di un editore francese, per bambini fino a un anno. E' in stoffa, fa rumori diversi ad ogni pagina, ha inserti di materiali differenti ed è molto morbido e colorato. E soprattutto... è a forma di lupo!
Si, perchè si tratta di una storia illustrata di un lupo un po' pazzerello e molto ghiotto, che si chiama Lulupo.
Il libro è delizioso, sono sicuro che a Francesco piacerà moltissimo e imparerà presto a raccontare da solo la storia, così scoprirà da subito i piaceri della lettura :)
E soprattutto... non avrà paura del lupo. Anzi, del Lulupo :)

martedì 4 agosto 2009

domenica di shopping


Domenica Angelo ha deciso di comprare il suo primo regalo per Francesco: una tutina!

Siamo entrati da Prénatal... e c'erano tante di quelle cose bellissime, che non si potevano proprio lasciare lì... e così, alla fine, gli ha comprato una tutina pigiama azzurra, un completo camiciola e salopette bianco e grigio, le scarpine di lana blu, il berretto in composè e un bavaglino giallo con un orsetto bellissimo!

I vestiti per bambini sono come le ciliegie, uno tira l'altro... e aspetta che arriviamo in america, vedrai cosa non compriamo là :)

ADD ON
Riflessione a mente fredda: non farò la "lista di nascita". E' troppo bello comprare le cose, portarle a casa e metterle nei cassetti di Francesco; sceglierle e aspettare che le comprino gli altri sarebbe frustrante...

giovedì 30 luglio 2009

risultati amnio

Ho ritirato i risultati dell'amniocentesi. Francesco sta benissimo, non ci sono anomalie e nemmeno la spina bifida.
Non vedo l'ora che esca fuori per spupazzarlo :)

mercoledì 29 luglio 2009

Signore e Signori...



... Angelo e Gioia sono lieti di presentare... Francesco!





martedì 28 luglio 2009

Maschio o femmina?

Allora, stasera ecografia morfologica.
Sapremo se il fagiolo sta bene primaditutto. E poi sapremo il sesso.

Sarai maschio o femmina?

Mancano solo poche ore... aggiornamenti a breve!! Stay tuned! :)

sabato 25 luglio 2009

20ma settimana

Veloce veloce, aggiornamento:

PANCIA: sempre più tonda e appuntita. Se è vero quel che dicono... beh, martedì c'è la morfologica, e sciogliamo ogni dubbio :)
PESO: kg 62,8 tutto sommato si continua a crescere a ritmo costante. Ma tutto in pancia eh? Il resto, è quasi uguale. (Si, ok, ci sarebbe il seno... ma nonostante l'*esorbitante* taglia terza, non ci credo che incida per più di un etto o due...)
MOVIMENTI: quando ci parlo io, al massimo fa le pernacchiette. Quando ci parla suo padre, son tutte capriole e se appoggia la faccia alla mia pancia, gli batte il 5 sulla guancia. Mi sento fortemente calata nel ruolo di mero contenitore... :)

alla prossima settimana!

giovedì 23 luglio 2009

opporc'...



Ieri ho comprato, per la prima volta in vita mia, un reggiseno taglia terza. TERZA!!!!

Ero emozionata come una bambina con una american express gold in mano davanti al megastore della Barbie. :-) Così ne ho presi tre, che almeno ho un po' di cambio.

Stamattina ho provato uno dei reggiseni nuovi... oh, capperi. E' già di misura. Mi sa che saranno troppo stretti prima del previsto. Forse tre erano troppi. Dite che me li cambiano?

Però c'è un lato positivo... passo alla coppa C! il mio sogno di adolescente, finalmente, si avvera... :-)

mercoledì 22 luglio 2009

dubbi amletici...


Secondo la newsletter di parents connect, il pupo dovrebbe essere circa 15 cm di lunghezza e pesare, all'incirca, 240 gr. Fan due etti e mezzo.

Perchè allora io son cresciuta di due kili e mezzo?